04 Luglio 2017

Uva da tavola: dove, come e quando le aziende italiane producono le varietà precoci

Dalla metà di maggio inizia la raccolta e la commercializzazione dell'uva prodotta in Italia. Sulle tavole dei consumatori italiani troviamo maggiormente le varietà con semi Victoria bianca e la Black Magic nera. Dalla metà di luglio, quasi tutte le altre varietà presentate in questa nota.

I fortunati viticoltori che producono l'uva durante il periodo maggio-giugno ottengono interessanti ricavi per la ridotta offerta di prodotto e concorrenza sui mercati europei. Vi sono ancora delle rimanenze di uve provenienti dall'India, Cile e Sudafrica, ma la freschezza e qualità dell'uva italiana è preferita anche rispetto alle nuove ottenute produzioni egiziane ed israeliane.

La maggiore precocità di maturazione si ha in prossimità delle coste della Sicilia orientale nelle zone più calde di Acate, Gela, Licata e Mazzarrone che pur lontana dal mare, alcuni esperti viticoltori riescono a far maturare e commercializzare le varietà Black Magic e Victoria dalla metà di maggio.

Le uve precoci vengono per la maggio parte commercializzate sui mercati del Nord Italia di Milano, Bologna, Padova, Venezia, Torino, Firenze e altre città.

La Puglia, pur avendo vigneti a tendone coperti con plastica in prossimità delle coste adriatiche, non riesce a far maturare le uve prima della fine di giugno, con un ritardo di circa 45 giorni rispetto alle zone più calde del Sud della Sicilia. Fanno eccezione i vigneti della zona di Nardò, in provincia di Lecce, dove il ritardo si riduce a 20 giorni. La Puglia, con circa 9 milioni di quintali di uva qualità e la Sicilia con 3 milioni di quintali sono le regioni più produttive ed hanno la necessità di dilazionare l'offerta per ottenere una maggiore competitività. Sono in atto iniziative per aumentare le produzioni di uve precoci, in un periodo in cui l'offerta è ridotta e i prezzi pagati ai viticoltori sono più elevati. Per le varietà coltivate i produttori preferiscono continuare a produrre uve delle varietà Victoria e Black Magic con semi perché soddisfatti per le produzioni e ricavi. Sono poco propensi ad avventurarsi nella coltivazione di uve senza semi. 

Tra i produttori di uve precoci, da diversi anni stiamo seguendo alcune aziende rappresentative per le zone e modalità di coltivazione. Di seguito sono riportati i periodi di raccolta e di commercializzazione delle uve italiane durante il periodo metà maggio fine agosto.

Anche quest'anno la raccolta delle varietà Victoria e Black Magic è iniziata il 18 maggio. L'uva di qualità straordinaria, gradevole, con grappoli e acini ben sviluppati, uniformi, di ottima colorazione e contenuto di zuccheri. E' ottenuta in serre in metallo senza riscaldamento artificiale ma solo con coperture con teli in polietilene che provocano innalzamenti delle temperature all'interno delle serre e l'anticipo delle epoche fenologiche del germoglia mento, fioritura e maturazione. L'uva è commercializzata sui mercati dell'Italia del Nord.

Come sempre, la raccolta inizia soltanto quando l'uva è ben matura, ha colorazione intensa e uniforme e adeguato contenuto di zuccheri. L'azienda è localizzata in una nuova zona di coltivazione dell'uva da tavola, situata in prossimità delle coste del Mar Jonio nel territorio del Comune di Nardò, in provincia di Lecce. La zona è caratterizzata da clima mite e assenza di venti freddi, particolarmente favorevole alla produzione di uva da tavola a maturazione precoce. In passato l' azienda utilizzava le serre per coltivare fiori, non ritenendo più conveniente questa produzione, la sostituita con vigneti di uva da tavola.

Hanno contribuito a migliorare le caratteristiche del grappolo anche le applicazioni di EVEO Intensive della Società Thermoflora. Questo prodotto è particolarmente indicato per la coltivazione dell'uva da tavola in serra e nei tendoni coperti con plastica. Gli effetti si manifestano particolarmente nel periodo di maggior caldo. Il prodotto attenua il disagio della la pianta quando opera in condizioni di stress climatico. La vite con temperature superiori a 45 °C rallenta l'attività vegeto-produttiva ritardando lo sviluppo del grappolo e bacche, l'accumulo degli zuccheri e la maturazione dell'uva.

In presenza di elevata qualità, si è scelto di utilizzano queste particolari modalità di confezionamento per esporre meglio i grappoli all'ammirazione del consumatore. A differenza di altre modalità di confezionamento non si utilizzano addobbi. I grappoli pesavano mediamente 1,2 kg, con bacche di 12,2 g e dimensioni di 34,5 e 23,4 mm rispettivamente per i diametri polare ed equatoriale.

Tra le varietà a maturazione precoce si stanno diffondendo, per il momento soltanto per i vigneti a tendone coperti con plastica, anche alcune varietà senza semi. Tra queste la Summer Royal, Vitroblack 1® Ophelia, Mistery, Sugrathirteen (Midnight), Sugraone. 

Per il sostegno del vigneto si utilizza la forma di allevamento a Y . Si distingue dal tendone perché non copre con la vegetazione la zona alta del vigneto ma presenta un'ampia zona scoperta attraversata dai raggi solari utili per migliorare la fertilità delle gemme delle cultivar senza semi. Caratteristico e gradevole l'aroma di questa varietà.

Tra le varietà senza semi la Summer Royal è la più precoce. Richiede attenzione nell'applicazione delle tecniche dell'irrigazione e concimazione finalizzate a far ingrossare la bacca. Occorre adottare ridotti volumi di irrigazioni per evitare lo spacco della bacca. Di adatta bene alle condizioni climatiche delle serre e matura una settimana dopo la Victoria. Nei vigneti a tendone, il 26 giugno aveva 14,2° Brix di zuccheri, bacche di 6,2 g di 22 e 21 mm di diametro. 

Conclusioni :

La nota fornisce indicazioni utili per il produttore per la scelta varietale e per le modalità di coltivazione. I ricavi in viticoltura per la produzione di uva da tavola dipendono dall'entità degli investimenti, dalle capacità tecniche del produttore, dalla varietà e dalla zona di coltivazione. Le informazioni sono utili anche per gli addetti alla distribuzione in quanto non basta genericamente indicare l'uva, ma occorre fornire al consumatore alcune sue caratteristiche come la varietà, la provenienza, la presenza di apirenia, il contenuto di zuccheri e possibilmente anche alcune proprietà nutraceutiche. 

Fonte: freshplaza.it